Alessandra

Sotto le feste di Natale c'era un tunisino che abitava in piazza a Edolo, un tunisino grosso che per sbaglio o per nostalgia si è fatto passare per uno dell'ISIS. Scriveva su internet parole che inneggiavano al terrorismo, era un po matto. Se uno scrive di terrorismo è un po' matto da legare, è meglio scrivere del lago d'Iseo o scrivere che appena ci si alza si mangia la colazione, che poi se non si mangia viene il capogiro.

Quando ascolto le Babymetal sento le voci delle ragazze, la musica forte, il rumore forte dello strumento musicale: la batteria, la chitarra. Va veloce la musica, vanno veloci le Babymetal. Sono del Giappone, abitare in Giappone è bello: ci andrei anch'io anche se è lontano. Fa caldo, fa freddo, ci sono i prati, le piante, le montagne, il mare caldo e Adriatico. Vendono le borsette - quelle da spiaggia - giornali di moda, mangiano gnocchi: i gnocchi alla giapponese, con dentro carne e la pancetta.

Arriva nel giro di 80 giorni la fine del mondo. Moriamo e poi resuscitiamo. 80 giorni per morire e resuscitare. Il giro del mondo va a finire a Vezza e comincia da Ponte di Legno: ci mettiamo 2 ore, poi si va a Temù e a Precasaglio. Tutto il resto del mondo va in Giappone, vanno in Giappone a fare il giro del mondo: partono dal Giappone e ritornano in Giappone. Ci mettono 80 giorni con l'aereo. Prima vanno in America, poi in Francia. Amano molto la Francia, gli piace come tipo di regione. Poi se ne vanno al Polo Nord e pensano: “Perché non siamo rimasti in Francia?

Mia nonna è morta in casa, è morta con la bocca sorridente. E' morta di malattia, la malattia di tumore. Mi ricordo che la buttavo nella vasca qualche volta, guardavo il giornale, le davo le botte, qualche volta andavamo nell'orto, andavamo al cimitero a trovare il Salvi. La buttavo nella vasca perché volevo qualcosa e le davo lo spintone. Lei mi diceva: “Fila in camera!”, qualche volta piangeva anche. Io le volevo bene, ma la facevo arrabbiare poi le chiedevo scusa e lei mi rispondeva: “Grazie”. Nonna ti prometto che non lo faccio più!

Cara Maria ti faccio tanti, tanti auguri di buon compleanno e di un nuovo giorno felice dalla tua amica Paola. Ti mando tanti bacioni così spegnerai 57 candele sulla torta. Per me la Maria ce la fa a spegnere le candele e la Maria diventa vecchia come le nonne del ricovero.
(Paola)

Auguri Maria, tanti auguri, tanta felicità: bella! E stasera torta con le candele al ristorante!
(Agnese)

Andrei dal dottore e gli direi: "Certe volte mi inciampo e mi fanno male, voglio cambiare le gambe." Vorrei gambe da donna, gambe eleganti a spillo, gambe chic. Vorrei delle gambe leggere per correre, per saltare, per alzarle. Secondo me non costano tanto, 2000 euro a gamba. Il negozio che vende gambe lo metterei in piazza a Edolo, vicino alla fontana e sull'insegna scriverei "Mi piacciono le gambe!". Io venderei gambe da donna, agli uomini farei vendere gambe da uomo.

Il grigio è un colore. Il grigio è un colore chiaro. Il grigio è un colore che sta mezzo a tutti gli altri, non pende da nessuna parte ma rimane fermo immobile. La mia maglia è grigia, il cubo della palestra è grigio, grigio come le mie scarpe, i sassi e i mattoncini sono grigi. Ci sono due grigi: grigio-nero e il grigio chiaro. Il cielo nuvoloso è un grigio scuro, quando piove non è tanto bello perché è tutto grigio, dà tristezza. Anche la neve diventa grigia con i fumi delle macchine. Anche quello dà tristezza.

9 Apr 2016

CHRISTO E' CONTENTO

Christo e' contento perché e' bello camminare sull'acqua. Christo risorto, artista tipo muratore, tipo meccanico di macchine da corsa. Io ho un po' paura di affogare, galleggio col salvagente. A Christo piacerebbe camminare sull'acqua, la passerella sarà risorta e un po' povera, si potrebbe galleggiare nel lago col costume guardando la gente dicendo: "Christo si tuffa nell'acqua". Speriamo che non diventi triste che poi ci resta male e scappa in un altro posto a fare Vruuuum con la macchina.

Pagine